Diritto di visita dei figli nell'emergenza Coronavirus

Il bambino conserva il diritto di incontrare la mamma e il papà anche durante l’emergenza "Coronavirus" o i decreti per il contrasto al Covid-19 e "#iorestoacasa" modificano i diritti di visita del genitore non collocatario?

 

Come noto, se i genitori che si separano hanno figli minori, in sede di separazione e divorzio il Giudice stabilisce – di regola - se i bambini debbano essere collocati prevalentemente presso la residenza materna o presso quella paterna e, in conseguenza della collocazione prescelta, regolamenta i diritti di visita dei figli da parte del genitore non convivente.

 

Cosa accade, però, di tali diritti-doveri in tempi di emergenza sanitaria, come quella che stiamo vivendo in questo momento?

È una domanda che ci hanno posto in moltissimi e, per questo, abbiamo pensato che potesse essere utile fare chiarezza, considerato che nessuno dei numerosi decreti che si sono succeduti nelle ultime settimane risolve espressamente la questione.

Il dubbio di entrambi i genitori è pertanto più che legittimo, alla luce del fatto che il D.P.C.M. 9 marzo 2020 ha esteso a tutto il territorio nazionale l’ampio divieto di spostamenti già previsto dal precedente D.P.C.M. 8 marzo 2020 che, come più volte avrete sentito, permette i soli spostamenti motivati, in alternativa, da:

- esigenze lavorative;

- situazioni di necessità;

- motivi di salute;

- (oltre al rientro presso il domicilio, abitazione o residenza).

Poiché il predetto decreto non intacca il diritto del figlio di incontrare la mamma o il papà separato/a, entrambi i genitori sono tenuti a rispettare il provvedimento di separazione o divorzio, che è e rimane pienamente vincolante per le parti, senza che i vari decreti governativi intervenuti possano autorizzare alcuna violazione delle relative previsioni (così di recente si è espresso il Tribunale di Milano nel decreto d.d. 11/03/2020).

Il diritto-dovere di visita dei figli potrà pertanto essere esercitato e autocertificato come situazione di necessità, comprovata dalla sentenza resa tra le parti in sede di separazione o divorzio.

Del resto, stante la presumibile durata non breve dell’emergenza sanitaria, appare preferibile continuare a garantire al bambino la presenza di entrambe le figure genitoriali, purché le visite avvengano nel rispetto di tutte le precauzioni imposte ai fini del contenimento del contagio. Starà, inoltre, al buon senso del genitore non collocatario astenersi dal far visita al figlio qualora presenti sintomi assimilabili all’infezione da coronavirus o la trasferta del bambino (o presso il figlio) comporti un serio pericolo di contagio per sé o per la prole.

La circostanza è stata chiarita in questo senso anche dal Governo che nelle F.A.Q. del 13/03/2020 ha affermato che “sono consentiti gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, in ogni caso secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio

L’augurio per le famiglie e, soprattutto, per i bambini è che tutto possa tornare al più presto alla normalità – visite comprese – e che più del solito, visto il delicato momento, le mamme e il papà agiscano con buon senso chiedendosi (soltanto) quale sia la scelta migliore per la salute e la serenità del/lla figlio/a.

 

Avv. Alberta Martini Barzolai®

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

17-3-2020